Bmw X2: debutta il nuovo Sport Activity Coupé

Il nuovo SUV compatto di intonazione sportiva è già ordinabile, con prezzi da 44.100 euro e su una lineup di tre modelli: benzina (sDrive 20i da 192 CV) e gasolio (X2 xDrive20d da 190 CV ed X2 xDrive25d).

La nuova immagine SUV richiede linee maggiormente slanciate rispetto ai “tradizionali” corpi vettura, ulteriomente affinate verso una impostazione più sportiva, in linea con le esigenze di un mercato via via più ricettivo nei confronti di nuovi modelli appartenenti a questo segmento. Ecco, in estrema sintesi, la carta d’identità che sottolinea l’inedito appeal estetico messo in evidenza dalla nuova Bmw X2, ultimo (in ordine di tempo) risultato del “new deal” bavarese verso l’ampliamento della propria gamma “Sport Utility”.

La nuova Bmw X2, anticipata dalla Concept di Parigi 2016, attesa invano nelle scorse settimane al Salone di Francoforte e, un po’ a sorpresa, esposta con una particolarissima livrea “Op” alla Milano Fashion Week di fine settembre, si prepara al debutto su strada. La novità Bmw in chiave SUV, diretta competitor nei confronti di Audi Q2 (rispetto alla quale si presenta maggiormente “addolcita” nel disegno delle linee esterne, oltre a dare all’occhio dell’osservatore un’immagine un po’ più “muscolosa”) entra in questi giorni in pre-ordinazione, con prezzi che partono da 44.100 euro: il “lancio” commerciale è fissato per marzo 2018.

Nell’attuale fase di prenotazione, Bmw X2 è disponibile su una lineup di tre motorizzazioni, una a benzina (sDrive 20i da 192 CV) e due turbodiesel equipaggiate con il cambio automatico “Steptronic” ad otto rapporti (ordinabile, a richiesta, con le levette al volante) e trazione integrale a tecnologia xDrive esclusiva della tecnologia AWD del marchio di Monaco di Baviera: X2 xDrive20d da 190 CV ed X2 xDrive25d. Più avanti, la gamma Bmw X2 si arricchirà con diverse novità: x2 sDrive 18i (che verrà equipaggiata con il recentemente sviluppato 1.5 a tre cilindri che fa già parte della gamma di fascia medio-bassa per il Gruppo Bmw) e le varianti X2 xDrive 20i a benzina, X2 sDrive 18d ed X2 xDrive 18d (due ulteruiori versioni a gasolio: la prima a due, la seconda a quattro ruote motrici) tutte con le unità a quattro cilindri.

Della gamma Bmw X2, fedelmente alla tradizione sportiva del marchio, fanno parte gli allestimenti che inalberano la “M” cara agli enthusiast dei modelli high performance bavaresi: si tratta, rispettivamente, delle varianti M Sport (equipaggiata con gruppi ruota di maggiori dimensioni, paraurti contrassegnati da accenti in nero lucido e, all’interno, selleria in pelle specifica e accenti in alluminio alla plancia), nonché dell’inedita configurazione “M Sport X” (dotata di nuovi dettagli aerodinamici al corpo vettura e rifiniture esclusive all’interno).

Nuovi, nell’assortimento delle dotazioni, anche le tinte carrozzeria che entrano a far parte della tavolozza disponibile (le nuance metallizzate Galvanic Gold e Misano Blue), e i rivestimenti dei sedili e dei pannelli porta in pelle “Dakota” colorata in Magma Red, insieme alle finiture nel materiale “Micro Hexagon” e Alcantara in tinta Antracite con cuciture in giallo a contrasto.

Le dimensioni del corpo vettura di Bmw X2, comunicate ufficialmente in queste ore insieme ad una prima carrellata di immagini ufficiali nonché al dettaglio delle caratteristiche tecniche per il nuovo “Sport Activity Coupé” bavarese indirizzato ad un livello leggermente superiore rispetto a Bmw X1 e a fare da “ponte” con la gamma X3, confermano le finalità di progetto del nuovo modello: gli ingombri esterni appaiono accettabili in previsione di un impiego polivalente della vettura, che in lunghezza misura 4,36 m, in larghezza denuncia 1,82 m e in altezza 1,53 m. Nel complesso, il design delle linee esterne è, come detto, piuttosto sportiveggiante, impressione che viene amplificata dalla sottile finestratura laterale, dall’andamento molto inclinato del parabrezza e dal sottile lunotto, sormontato da una “palpebra” avente funzione di spoiler superiore. Un “tocco” simpaticamente rétro (che contrasta in maniera piacevole con la nuova impostazione generale del corpo vettura) deriva dal ritorno degli stemmi Bmw sui montanti posteriori: una tradizione che rimanda la memoria ad alcune delle più celebri coupé bavaresi di alta gamma del passato (le varie 2.000 CS e 3.0 CSL che contribuirono a costruire l’appeal sportivo Bmw), mai dimenticate dagli appassionati. Buona la capacità del vano bagagli (sedili posteriori frazionati): 470 litri nel normale assetto di marcia.

All’interno, la strumentazione – che conferma i più recenti studi di ergonomia sviluppati dai tecnici Bmw che, fra l’altro, hanno ripreso la soluzione del quadro orientato verso il conducente – si avvale di uno schermo multifunzione (proposto, in alternativa, su due misure: 6.5” e 8.8”) sulla zona superiore della plancia e, a richiesta, dell’Head-up Display a colori, che permette il controllo delle funzionalità online fornite dai “pacchetti” Bmw Connected e Bmw ConnectedDrive.

Fonte: Motori.it

Noleggioalungotermine.info-Galleria Gandhi ,21-20017-Mazzo Di Rho (Mi)-Tel.02/98996931-E-Mail:info@noleggioalungotermine.info

Lascia un Commento

Your email address will not be published.*



You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Back to top